Mugello, il racconto del carabiniere che ha salvato Nicola

·1 minuto per la lettura

"Oggi lo volevamo trovare. Ero in licenza in Puglia, sono tornato apposta solo per cercarlo. Mentre eravamo impegnati nelle ricerche, il giornalista che era con noi ha sentito un lamento. Il Comandante della stazione di Scarperia, Danilo Ciccarelli, è sceso a 25 metri di profondità lungo una scarpata complessa, è stato lì che ha visto gli occhioni del bimbo e lo ha salvato". Lo racconta all’Adnkronos il Maggiore Michele Arturo, comandante della compagnia carabinieri Borgo San Lorenzo, che ha salvato il piccolo Nicola, scomparso al Mugello nella notte tra lunedì e martedì. "Quando ha visto il comandate lo ha chiamato ‘Mamma’ - continua - lui era la felicità in persona. Siamo tutti emozionati, contenti, e il bimbo è in buone condizioni". (di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli