Mulè(fi): 300 mld per ripartire, è il momento della pace fiscale -2-

Adm

Roma, 24 mar. (askanews) - Soprattutto, "devi sfidare i 200 miliardi di economia sommersa. A chi non fa reddito chiedi di uscire allo scoperto e dichiarare quello che realmente sta perdendo. Lo rifondi - con una percentuale, si vedrà - ma quando ripartirà l'economia dovrà ripartire dalla dichiarazione che fa adesso". Il tutto, impegnandoti a rivedere il sistema fiscale, "sennò nessuno è incentivato a uscire. Noi diciamo flat tax: il 15%, il 18%, il 22%... Vedremo, ma si deve fare per fare uscire questi miliardi che altrimenti mai recupereremo". Non è un condono, sostiene Mulè, "è come quando esci da una guerra, la prima cosa che si fa è la famosa amnistia. E poi devi prevedere pene devastanti per chi sgarra di un euro a quel punto, un approccio di tipo americano per chi evade. Una volta che fai la pace fiscale, dal momento successivo nessuna pietà per chi evade. Finalmente viene attuato il famoso slogan, pagare meno e pagare tutti. Il momento per farlo è questo. Ora si può fare".

Infine, un ultimo punto. "Bisogna mettere in sicurezza totalmente il perimetro delle nostre aziende, il famoso 'golden power': moda, agroalimentare, etc... Lo stato interviene e mette cappello per evitare lo scippo da parte di soggetti straniere. Tutte aziende che rappresentano l'eccellenza del made in italy devono restare italiane".