Mulè: ipotesi gestione autostrade ad Anas impercorribile

Rea

Roma, 22 dic. (askanews) - "Siamo ai fuochi d'artificio prima ancora che giunga Capodanno. Il governo non sa trovare soluzioni e quindi ricorre ad espedienti (come la misura prevista nel decreto Milleproroghe che in caso di revoca, decadenza o risoluzione di concessioni di strade o autostrade, in attesa di individuare un nuovo concessionario, la gestione può passare all'Anas) che potrebbero distruggere un intero settore invece che rilanciarlo. L'ipotesi che Anas possa subentrare nella gestione della rete autostradale è assurda e pericolosa tanto che l'Aiscat, l'Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori, ha espresso 'sconcerto e incredulità per l'articolo 33 del Dl Milleproroghe' sulla revoca delle concessioni. Si pensi che Anas al momento si trova anche nella difficoltà di non poter pubblicare bandi e quindi di realizzare opere: vi è una certificata inadeguatezza nella gestione programmatica e realizzativa della rete stradale nazionale che rende impossibile immaginare in tali condizioni un ingresso di Anas nella gestione anche della rete autostradale. Ancora una volta il governo delibera e decide senza conoscere il Paese reale e rischia di provocare conseguenze estremamente gravi per molte società concessionarie". Così Giorgio Mulè, deputato e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato.