Multa a Feltri per 'Patata bollente', Raggi: "Monito su sessismo"

·1 minuto per la lettura

Undicimila euro di multa per diffamazione a Vittorio Feltri dal tribunale di Catania per l'articolo sulla prima pagina di ‘Libero’ del 10 febbraio 2017 dal titolo 'Patata bollente' sulla sindaca di Roma, Virginia Raggi. "Quel vergognoso titolo di ‘Libero’ che non ha offeso solo me ma tutte le donne" ha detto all'Adnkronos la prima cittadina uscente della Capitale Virginia Raggi. "Mi auguro che questo episodio serva come monito e per riflettere seriamente sui temi del sessismo e dell'hate speech. Il rispetto delle donne, e delle persone, deve venire sempre prima di tutto‘’.

Il giudice ha stabilito un risarcimento danni da stabilire in sede civile, fissando una provvisionale di 5.000 euro, il pagamento delle spese legali e la pubblicazione della sentenza sui maggiori quotidiani nazionali. Con Feltri era a processo, per omesso controllo, anche il direttore responsabile del quotidiano Pietro Senaldi, condannato con una multa di 5.000 euro pena sospesa. La competenza del caso è radicata a Catania perché è la città in cui è stata stampata per prima la copia del quotidiano. La Procura aveva chiesto la condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione per Feltri e a otto mesi per Senaldi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli