Muoiono i cani a pochi giorni di distanza: Facchinetti e McGregor accomunati dallo stesso dolore

·2 minuto per la lettura
cani (Photo: Instagram)
cani (Photo: Instagram)

Da una parte, l’aggressione a Francesco Facchinetti, dall’altra le lacrime per la morte del suo cane. Il campione irlandese di MMA Conor McGregor si è detto distrutto dal dolore per la morte del suo cane Hugo. Ironia della sorte, anche il dj Facchinetti ha perso il suo amico a quattro zampe Ardi qualche giorno fa, dopo 15 anni. Dopo le polemiche, i due hanno vissuto due situazioni simili e parallele.

“Con il cuore spezzato annuncio che il mio cane Hugo è morto”, recita la didascalia delle foto pubblicate sul profilo Instagram di Conor McGregor e che ritraggono il famoso fighter in compagnia di quello che definisce “l’amico più fedele”. Nel post si rivolge direttamente al cane ringraziando per averlo avuto accanto fino all’ultimo e per essere stato parte della famiglia e per aver reso migliore la sua vita. Anche le sue stories sono piene di istantanee che ripercorrono la vita di McGregor insieme al suo amico a quattro zampe, con il sottofondo della canzone di Ed Sheeran “Runaway”.

Anche Facchinetti ha pubblicato sui social foto con Ardi lasciandosi andare al ricordo: “Mi ricordo ancora quando in quel Natale di 15 anni fa arrivasti a casa nostra: un matto. Eri il cane di THE MASK, il più pazzo che ci sia. Per te ero un fratello con cui giocare sempre, ti facevo spesso arrabbiare e tu me ne combinavi di tutti i colori. La piccola Liv, appena saprà della cosa non smetterà più di piangere, passava intere ore a divertirsi solo con te. Riassumere in poche righe cosa sei stato per me e per la mia famiglia sarebbe riduttivo. Quello che è sicuro è che sei stato parte della mia famiglia e oggi abbiamo perso una parte di noi”.

La perdita dei rispettivi cani accomuna Facchinetti e McGregor ma i due non potrebbero essere più lontani. La mattina del 17 ottobre è stato lo stesso cantante a denunciare una presunta aggressione del fighter, che lo avrebbe colpito con un pugno in pieno volto senza alcuna motivazione, e mostrare sui social il labbro superiore sanguinante e gonfio. Facchinetti si è poi appellato al lussuoso albergo romano in cui si trovava McGregor insieme ad altri partecipanti alla festa affinchè diffondesse le immagini delle telecamere. Nei giorni seguenti il DJ ha rimarcato la gravità di quanto accaduto e ha deciso di sporgere denuncia nei confronti dell’irlandese. Il caso ha presto catturato l’attenzione dell’opinione pubblica e ancora oggi si attendono le conseguenze delle indagini.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli