Muore a 16 anni Arfa Karim, la bimba-programmatore che incontrò Bill Gates

Arfa Karim, genio del computer e la più giovane professionista certificata dalla Microsoft, è morta questa settimana a soli 16 anni. Karim si trovava in coma dallo scorso dicembre, in seguito a un attacco epilettico e a un arresto cardiaco. Come scrive l’Huffington Post, la ragazzina aveva avuto dei recenti miglioramenti, ma i medici non sono riusciti a salvarla dalle complicazioni di una tracheotomia che le ha provocato un’emorragia alla gola. Lo zio di Karim ha dichiarato a The Express Tribune: “Siamo addolorati per la sua perdita, ma lei era una ragazzina forte. Era un dono che Dio ci aveva fatto e ora è ritornata a Lui”.
 
Bambini prodigio, il video della giovane cantante Park Jimin
 
Nata in Pakistan, Karim nel 2005 a soli 9 anni fu la persona più giovane al mondo a ottenere la certificazione professionale da parte della Microsoft. La bambina fu quindi invitata da Bill Gates in persona a visitare il campus della Microsoft a Redmond, nello Stato di Washington. Karim, che all’epoca aveva 10 anni, fu introdotta nei laboratori e si incontrò con i dirigenti, ma soprattutto si trovò a tu per tu con Bill Gates. All’inizio di quest’anno, dopo il ricovero di Karim, Gates ha raggiunto la sua famiglia e si è offerto di pagare le spese mediche. Il numero uno della Microsoft ha anche proposto di portare la 16enne negli Usa, ma i medici si sono opposti in quanto la paziente era intubata.
 
La storia di Nino Rota, il compositore enfant prodige dei film di Fellini
 
Durante un’intervista rilasciata al giornale Seattle P-I quando aveva soltanto 10 anni, Arfa Karim raccontò: “Se vuoi compiere qualcosa di grande nella tua vita, ti devi ricordare del fatto che la timidezza è solo nella tua mente. Se pensi in modo timido, ti comporterai in modo timido. Mentre se pensi in modo coraggioso, ti comporterai di conseguenza”.
 
Ettore, il bambino prodigio di Perignano che a 3 anni legge i giornali e sa i nomi dei ministri