Muore contagiata da infermiera no vax. Il figlio: "Colpita da chi doveva proteggerla"

·1 minuto per la lettura
(Photo: Pixelci via Getty Images/iStockphoto)
(Photo: Pixelci via Getty Images/iStockphoto)

Si trovava in ospedale per curare una frattura, nella struttura è morta dopo essere risultata positiva al covid. A contagiarla, un’infermiera non vaccinata. Il virus ha aggravato le sue condizioni di salute, portando al decesso.

Il Tirreno ha raccolto lo sfogo del figlio, Fabrizio Natalini:

“Mia mamma aveva subito un intervento per la frattura di un femore. Ci avevano avvertito che sarebbe stato un intervento a elevatissimo rischio, lei lo sapeva e aveva accettato. Ma l’intervento era stato superato, la mamma non ha avuto danni, il decorso era normale. Quello che ha aggravato fino all’estremo è stata la polmonite da Covid, come mi hanno detto i medici”

Natalini aveva raccontato la vicenda anche sul suo account Facebook: “La mia vecchina contagiata in ospedale, dove invece doveva essere protetta. La mia vecchina era stata contagiata proprio in ospedale, dove invece doveva essere protetta. La polmonite, anche se vaccinata, arriva; il suo organismo, il suo cuore di novantenne erano troppo sotto pressione”.

Sempre sul social ha lasciato un appello: “Invece di credere solo a qualche sconosciuto che tira fuori le teorie più strampalate, provate a credere anche a noi che ci siamo trovati nel mare in tempesta. Non è una malattia come le altre. Questa colpisce, lascia il segno, separa le persone nei loro ultimi giorni di vita”. Basta dire che i vaccini non servono, continua l’uomo: “Il virus non esiste, non fa nulla, non è un’opinione: è falso. Il vaccino non serve ed è pericoloso non è un’opinione: è falso”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli