Muore impigliata al cancello: stava scavalcando perchè senza chiavi

Muore impigliata al cancello

Tragedia a Loranzè, piccolo paese in provincia di Ivrea. Una 18enne muore impigliata al cancello di casa nel tentativo di scavalcarlo, dato che aveva dimenticato le chiavi. A rinvenire il cadavere è stata la sorella con cui viveva.

18enne muore impigliata al cancello

Stava tornando da una serata trascorsa in discoteca con gli amici quando, arrivata nei pressi della sua abitazione di via Canton Prelle, si è accorta di non avere con sé il mazzo di chiavi. Essendo tarda notte e non volendo svegliare la sorella, ha quindi deciso di provare a scavalcare il cancello. Un tentativo che è risultato fatale, dato che, mentre stava scendendo all’interno della proprietà, è rimasta impigliata con i vestiti, in particolare con il collo del maglioncino.

Erika Russo Testagrossa, questo il nome della ragazza, avrebbe tentato in tutti i modi di liberarsi dalla presa ma non c’è riuscita. Stando ai primi accertamenti, sarebbe morta per soffocamento. Il tragico ritrovamento ai piedi del cancello è avvenuto ad opera della sorella mentre stava uscendo verso le 9 della mattina seguente. Inutile la chiamata ai sanitari del 118 che, giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. La salma sarà ora trasportata alla medicina legale di Strambino.

Presenti sul luogo della tragedia anche il medico legale, i Carabinieri della Compagnia di Ivrea e il Colonnello Guida per effettuare tutti i rilievi del caso e chiarire l’esatta dinamica che ha portato la giovane alla morte. Non escludendo nessuna pista, gli inquirenti ascolteranno anche i familiari della vittima.