Muore nel Parmense durante un controllo della polizia, aperta un'inchiesta

La Procura di Parma ha aperto un'inchiesta sulla morte di Antonio Marotta, 63 anni, deceduto durante un controllo della polizia stradale a Fidenza, nel Parmense.

Secondo la ricostruzione degli agenti, l'uomo, residente in provincia di Parma e originario di Salerno, sarebbe stato fermato perché senza cintura di sicurezza.

GUARDA ANCHE: Arresto violento in Canada suscita indignazione

Quando gli uomini della polizia stradale gli hanno fatto il verbale e ritirato la patente (l’automobilista era recidivo, si trattava della seconda infrazione simile nell’arco di due anni), Marotta sarebbe andato su tutte le furie. Mentre gli agenti provavano a immobilizzarlo, l’uomo si sarebbe accasciato, in preda a un malore. La polizia stradale ha allora chiamato il 118, ma quando sono arrivati i soccorsi, il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

LEGGI ANCHE: Hamilton scende in piazza per Black Lives Matter

I parenti di Marotta non credono alla versione degli agenti e il genero Angelo Pinto ha riferito all'Ansa che la morte del 63enne sarebbe il risultato di un "abuso di potere vero e proprio come quello del povero americano ucciso (George Floyd, ndr)".

GUARDA ANCHE: Chi è George Floyd?

Spetterà ora ai pm parmensi coordinare le indagini per stabilire come è morto Marotta.