Muro col Messico, Trump pronto a dichiarare emergenza nazionale

Trump pronto a dichiarare emergenza nazionale

Appare ancora lontana la soluzione per porre fine ai contrasti tra la Casa Bianca e il partito democratico. Secondo fonti anonime citate dal Washington Post, Donald Trump sarebbe pronto a dichiarare l’emergenza nazionale per poter scavalcare il Congresso e ottenere i fondi per la costruzione del muro al confine con il Messico. L’amministrazione repubblicana vorrebbe ricorrere ai fondi non utilizzati dal Genio militare per le calamità naturali e la prevenzione dei disastri. In particolare, si tratta di risorse destinate a Puerto Rico e al Texas. Una legge approvata dal Congresso stanzia 13,9 miliardi di dollari per la realizzazione di vari progetti nei due Stati colpiti dagli uragani. Fondi che, tuttavia, non sono stati ancora spesi e che dunque potrebbero essere dirottati altrove.

Secondo Nbc News, il presidente sarebbe stato informato di questo piano mentre era in volo verso il Texas. Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, ha smentito la notizia, etichettandola come fake news.

L’opposizione dei democratici

Immediata l’opposizione dei democratici, che hanno definito illegale la dichiarazione dell’emergenza nazionale per finanziare un progetto come il muro. Trump, hanno sottolineato i dem, deve prima dimostrare l’esistenza di una reale situazione di crisi alla frontiera. Secondo le fonti ufficiali, infatti, nel 2018 il numero di ingressi dal confine col Messico ha raggiunto il minimo storico negli ultimi dieci anni. Non mancano perplessità anche tra le fila del partito repubblicano. Il senatore John Thune ha espresso dubbi circa la legalità e l’efficacia della strategia del presidente.