Muroni (Leu): ddl salvamare aiuta ambiente, salute e pescatori

Pol/Gal

Roma, 22 ott. (askanews) - "Prosegue con l'esame dell'Aula a Montecitorio l'iter del Ddl Salva-Mare. Un provvedimento firmato dal ministro dell'Ambiente che prende spunto ed è abbinato alla mia proposta di legge sul 'fishing for litter', il cui scopo è contribuire al risanamento dell'ecosistema marino grazie all'aiuto dei pescatori, e a quella analoga dell'On. Rizzetto. La misura prende esempio dai progetti sperimentali di 'fishing for litter' realizzati nel Paese e dall'impegno per i nostri mari delle associazioni ambientaliste come Legambiente, MareVivo e WWF. Considerando che i rifiuti plastici che finiscono in mare si scompongono in parti sempre più piccole che vengono ingerite dai pesci entrando nella catena alimentare, si tratta di un'arma in più a tutela di ambiente e salute". Così la deputata LeU Rossella Muroni sul Ddl Salva-Mare, provvedimento di cui è relatrice insieme all'On. Paola Deiana (M5S).

"Il cuore del provvedimento è consentire ai pescatori di portare e conferire a terra i rifiuti che recuperano in mare, nei fiumi, nei laghi o nelle lagune, senza doverne sostenere i costi di smaltimento come invece avviene oggi e promuovere il riciclo dei materiali 'pescati'. Il testo è arrivato in Aula migliorato dall'esame in Commissione ed ora è importante giungere rapidamente alla sua approvazione, per i nostri mari ma anche per aiutare i pescatori ad affrontare la questione dei rifiuti che sempre più spesso finiscono nelle loro reti. Con le campagne di pulizia volontaria e con le iniziative di sensibilizzazione ed educazione ambientale, infine, si fa un patto tra soggetti con competenze e ruoli diversi al servizio di un obiettivo comune: un ambiente più pulito, salubre e bello", conclude Muroni.