Musei: il Maxxi 'riparte' con 'Una storia per il futuro', nel 2021 focus e progetti speciali (6)

·1 minuto per la lettura
Musei: il Maxxi 'riparte' con 'Una storia per il futuro', nel 2021 focus e progetti speciali (6)
Musei: il Maxxi 'riparte' con 'Una storia per il futuro', nel 2021 focus e progetti speciali (6)

(Adnkronos) – Grande attesa per Casaballa. Dalla casa all’universo e ritorno, l’eccezionale progetto che prende il via il 26 maggio. Nella Galleria 5, la più scenografica del Maxxi, ci sarà una mostra con lavori di Balla – disegni, oggetti, bozzetti, arredamenti – in dialogo con opere create appositamente da architetti, artisti e designer italiani e internazionali (tra cui Bêka & Lemoine, Carlo Benvenuto, Alex Cecchetti, Leonardo Sonnoli). Per l’occasione, sarà aperta per la prima volta al pubblico, ogni fine settimana per 5 mesi, la straordinaria casa di via Oslavia 39 a Roma, dove dal 1929 fino alla morte visse e lavorò il maestro del futurismo, trasformandola in una vera e propria opera d’arte con quadri e sculture, pareti dipinte, mobili e oggetti decorati, prove per il teatro e per la moda (fino a fine ottobre 2021, a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Domitilla Dardi). In collaborazione con Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio e con il supporto della DG Creatività Contemporanea – Mibact e il contributo di Banca d’Italia.

A ottobre saranno protagonisti uno dei più grandi fotografi del nostro tempo, Sebastião Salgado, e un artista considerato tra i più importanti e controversi della scena internazionale, Thomas Hirschhorn.All’inizio di ottobre apre Sebastião Salgado. Amazônia, realizzata in collaborazione con Contrasto e curata da Lélia Wanick Salgado. Per sei anni il fotografo ha viaggiato nell’Amazzonia brasiliana fotografando la foresta, i fiumi, le montagne e, soprattutto, le comunità indigene che ci abitano. Ora, per la prima volta, 200 immagini vengono mostrate al pubblico italiano, per accendere l’attenzione sulla necessità di proteggere quelle popolazioni che rischiano l’estinzione (fino a febbraio 2022).