Musei: il Maxxi 'riparte' con 'Una storia per il futuro', nel 2021 focus e progetti speciali (8)

·1 minuto per la lettura
Musei: il Maxxi 'riparte' con 'Una storia per il futuro', nel 2021 focus e progetti speciali (8)
Musei: il Maxxi 'riparte' con 'Una storia per il futuro', nel 2021 focus e progetti speciali (8)

(Adnkronos) – A novembre Buone Nuove racconta l’evoluzione della professione di architettto a partire dal ‘900. Superata l’immagine stereotipata dell’architettto maschio capo indiscusso dello Studio, ora il panorama è più complesso, sempre più segnato dalla presenza femminile, di collettivi, coppie e gruppi guidati da progettiste: dalle pioniere come Eileen Grey, Charlotte Perriand, Lina Bo Bardi e Phyllis Lambert alle archistar come Zaha Hadid, Kazuyo SeJima, Elisabeth Diller, da Cini Boeri e Gae Aulenti a Francesca Torzo e Lucy Styles, vincitrici entrambre della prima edizione del Premio Italiano di Architettura indetto da MAXXI e Triennale Milano. La mostra è anche occasione per acquisire opere di giovani architette (a cura del MAXXI Architettura, fino ad agosto 2022, sponsor Groupama Assicurazioni).

Interazione tra realtà e fantasia, reale e virtuale, memoria e futuro caratterizzano la mostra Cao Fei. Supernova, dedicata a una artista tra le figure più di spicco della scena internazionale, al MAXXI dalla fine di novembre. La mostra, a cura di Hou Hanru e Monia Trombetta, presenta insieme ai due film Haze and Fog (2013) e La Town (2014), gli ultimi suoi lavori: Nova (2019), film di fantascienza che racconta la storia senza tempo di Hongxia, il quartiere in cui vive Cao Fei, reinventato e ambientato nel futuro; l’opera di realtà virtuale The Eternal Wave (2020) e Isle of Instability (2020), ultimo lavoro realizzato dall’artista nella sua casa a Singapore, in cui approfondisce le ripercussioni psicologiche della pandemia e dell’isolamento. Il progetto è realizzato in collaborazione con il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato che, a fine ottobre, ospiterà una mostra su Cao Fei a cura di Cristiana Perrella.