Musica: è morto l'attore Blackie Dammett, padre del frontman dei Red Hot Chili Peppers

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Washington, 17 mag. – (Adnkronos) – L'attore statunitense Blackie Dammett, padre del cantautore, cofondatore e frontman del gruppo rock Red Hot Chili Peppers Anthony Kiedis, è morto all'età di 81 anni. La notizia della scomparsa, avvenuta il 12 maggio, è stata diffusa tramite Facebook da 'We Support Blackie Dammett', un gruppo nato per promuovere l'autobiografia di Dammett "Lords of the Sunset Strip", pubblicata nel 2013, e in seguito per sostenere Dammett dopo la sua diagnosi di demenza senile. Il gruppo Facebook lo ricorda come "un personaggio stravagante e gigante che si è fatto strada da solo per tutta la vita". Nel 2017 Anthony Kiedis ha rivelato durante uno spettacolo che il padre era malato.

Il vero nome di Dammett era John Kiedis e come attore ha avuto ruoli in una trentina di telefilm, tra cui episodi delle serie "Charlie's Angels", "Starsky & Hutch", "Magnum P.I.", "Professione pericolo", "Hill Street giorno e notte", "Giudice di notte", "Santa Barbara" e "Hunter". E' apparso anche in una decina di film, tra i quali "Ritorno dall'inferno", "Riunione in classe", "I ragazzi della porta accanto", "Il colpo segreto del ninja" e "Arma letale".

Anthony Kiedis ha trascorso gran parte della sua infanzia vivendo con Dammett a Los Angeles: suo padre, che era uno spacciatore di cocaina abbastanza noto nell'ambiente dello spettacolo di Hollywood, lo iniziò alla marijuana all'età di 12 anni, come ha raccontato nel suo libro di memorie "Scar Tissue" del 2004. Dammett ha anche gestito per molti anni il fan club dei Red Hot Chili Peppers "Rockinfreakapotamus" ed è stato il soggetto delle canzoni "Savior" e "The Hunter".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli