Musica: è morto Nelson Freire, gigante del pianoforte

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Rio de Janeiro, 1 nov. – (Adnkronos) – Il musicista brasiliano Nelson Freire, uno dei pianisti più importanti della sua generazione, che ha esplorato il repertorio classico con una visione più profonda rinnovando le sue interpretazioni con una grande forza creativa, è morto a Rio de Janeiro nella notte tra domenica 31 e lunedì 1 novembre all'età all'età di 77 anni nella sua casa di Rio de Janeiro. La notizia della scomparsa è stata pubblicata da diversi media brasiliani.

Nato a Boa Esperança, una piccola città all'interno dello stato di Minas Gerais, il 18 ottobre 1944, Freire si era avvicinato allo studio del pianoforte a soli tre anni; due anni dopo eseguì il suo primo concerto con la Sonata in la maggiore KV 331 di Mozart. A Vienna, dove ha proseguito gli studi entrò in contatto con alcuni dei più grandi talenti musicali dei nostri tempi, instaurando un rapporto preferenziale con Martha Argerich. "Mostro sacro" del pianoforte, la carriera internazionale cominciò nel 1959, diventando in breve tempo universalmente acclamato: da allora è stato invitato a suonare nei maggiori teatri del mondo, con le orchestre più prestigiose e i più famosi direttori d'orchestra.

lFreire ha suonato sotto la direzione di Valery Gergiev, Yuri Temirkanov, Seiji Osawa, Pierre Boulez, Riccardo Chailly, Charles Dutoit, Eugen Jochum, André Previn, Lorin Maazel, Rudolf Kempe, Rafael Kubelik, David Zinman, Kurt Masur e Colin Davis. Si è esibito con la Filarmonica di Berlino, Londra, New York e Israele, nonché con il Concertgebouw di Amsterdam, il Gewandhaus di Lipsia e le orchestre di Monaco, Parigi, Tokyo, San Pietroburgo, Vienna, Boston, Philadelphia, Cleveland, Los Angeles, Chicago e Montreal.

Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti l'Edison Award per la registrazione dei 24 Preludi di Frédéric Chopin. Le sue registrazioni sono state premiate con il Diapason d'Or, il Grand Prix du Disque, la Victoire d'Honneur, l'Edison Award, il Gramophone Award e il Grammy Latino per "Nelson Freire Brasileiro" (2013).

All'età di 12 anni Freire fu finalista al primo Concorso pianistico internazionale di Rio de Janeiro e così ottenne una sovvenzione dal presidente brasiliano Juscelino Kubitschek per poter studiare a Vienna con Bruno Seidlhofer. A 19 anni fu insignito della medaglia Dinu Lipatti a Londra e successivamente vinse il primo premio al Concorso internazionale Vianna da Motta di Lisbona. A 23 anni il suo debutto a Londra fece scalpore e "The Times" lo definì "il giovane leone della tastiera"; a 24 anni, dopo la sua esibizione con la New York Philharmonic per il suo debutto a New York, "Time Magazine" definì "uno dei pianisti più eccitanti di questa o di qualunque epoca".

Nel 2000 Freire aveva firmato un contratto con la Decca per la quale ha registrato, fra l'altro, i due Concerti di Brahms con il Gewandhaus di Lipsia sotto la direzione di Riccardo Chailly, e le Sonate di Beethoven.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli