**Musica: è morto Rocco Filippini, violoncellista di fama mondiale**

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 apr. – (Adnkronos) – Il musicista svizzero Rocco Filippini, violoncellista di fama mondiale, fondatore nel 1968 del Trio di Milano e nel 1992 del Quartetto Accardo, è morto a Lugano all'età di 77 anni. La notizia della scomparsa si è diffusa a Cremona, città nella quale dal 1985 aveva insegnato all'Accademia Stauffer. Nella musica da camera ha collaborato con alcuni tra i più grandi concertisti contemporanei, tra i quali spiccano Salvatore Accardo e Maurizio Pollini. Con il suo violoncello Gore Booth, ex Baron Rothschild di Antonio Stradivari (1710), ha tenuto concerti in tutto il mondo. Alcuni tra i massimi compositori di oggi, quali Luciano Berio, Franco Donatoni e Salvatore Sciarrino, gli hanno dedicato loro opere.

Nato a Lugano il 7 settembre 1943, compiuti gli studi sotto la guida di Pierre Fournier, Filippini vinse nel 1964 il Concorso Internazionale di Ginevra, iniziando subito dopo la sua carriera. Ha dato centinaia di concerti nei principali centri musicali in Europa, America, Giappone e Australia, ospite delle più grandi sale (La Scala di Milano, l'Albert Hall e il Festival Hall di Londra, il Théâtre des Champs Elysées di Parigi, la Filarmonica di Berlino, il Musikverein e il Konzerthaus di Vienna, l'Herkules Saal di Monaco, il Concertgebouw di Amsterdam, la Carnegie Hall e il Lincoln Center di New York, l’Opera House di Sydney, il Teatro Colón di Buenos Aires) e di famosi festival (Lucerna, Spoleto, Salisburgo, Marlboro – dove è stato invitato ripetutamente da Rudolf Serkin – Edimburgo, Stresa, Pesaro, Newport, Gerusalemme, Ravenna, Helsinki).

Filippini era accademico di Santa Cecilia ed è stato docente di violoncello presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano; dal 2003 ha tenuto la classe di musica da camera ai corsi di perfezionamento dell'Accademia di Santa Cecilia e nel 2010 era stato insignito del titolo di Professore Emerito. Già membro della facoltà dell’Academy of the European Mozart Foundation diretta da Sandor Végh, ha tenuto numerosi corsi di perfezionamento, tra cui quello alla Scuola di Fiesole. Nel 1997 è stato insignito del Premio della Fondazione del Centenario della Banca Svizzera Italiana per il contributo allo sviluppo dei rapporti culturali tra Svizzera e Italia.