**Musica: è morto Sandor Balassa, celebre compositore ungherese**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Budapest, 15 mag. – (Adnkronos) – Il compositore ungherese Sándor Balassa, noto per la sua scrittura liberamente dodecafonica incline a un intenso tematismo, è morto all'età di 86 anni. L'annuncio della scomparsa, avvenuta il 14 maggio, è stata data dall'Accademia ungherese delle arti di cui era membro.

Balassa ha composto molta musica vocale con orchestra, fra cui l'opera radiofonica in un atto "L'uomo fuori dalla porta" (1977), la cantata drammatica "Il terzo pianeta" (1987-89) e "Carlo e Anna" (1992). Numerose le opere per diversi complessi strumentali, tra cui "Xenia" (1970), "Iris" (1971), "Lupercalia" (1972), un concerto in memoriam Igor Stravinskij, e "Tabulae" (1973). In Ungheria aveva ricevuto i prestigiosi premii Ferenc e Kossuth.

Balassa si affermò negli anni '70 per la sua capacità compositiva innovativa. Tra le altre sue opere "Chant of Glarus" (1978), "Calls and Cries" (1980) e "Az aitón Kivül" (1976). Dopo aver vinto nel 1988 il prestigioso premio Bartók-Pásztory, Balassa ha proseguito nella sua attività con composizioni strumentali ("Sonatina per arpa", 1993; "Trio per flauto, viola e arpa", 1995; "Cinque fratelli", 1994, per solo piano) e orchestrali ("Danze di Mucsa", 1994; "Vonósnégyes", 1995).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli