Musica: addio a Al Schmitt, maestro del suono vincitore di 19 Grammy

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 1 mag. – (Adnkronos) – Il produttore discografico statunitense Al Schmitt, maestro del suono, vincitore di numerosi premi Grammy che ha progettato o prodotto dischi di Frank Sinatra, Ray Charles, Paul McCartney, Bob Dylan, Jefferson Airplane e molti altri artisti, è morto nella sua casa di Bell Canyon, nell'area di Los Angeles, in California, all'età di 91 anni. La notizia della scomparsa, annunciata dalla moglie Lisa Schmitt, è stata pubblicata dal "New York Times".

Per 60 anni Al Schmitt ha dimostrato nel mondo discografico abili capacità ingegneristiche e un sesto senso per rendere grandi canzoni nate dalle sue collaborazioni con dozzine di musicisti e cantanti: era rinomato, infatti, per la sua capacità di apportare cambiamenti sottili ma qualificanti durante le sessioni di registrazione dei dischi.

All'età di 19 anni iniziò a lavorare come produttore discografico presso gli Apex Recording Studios di Manhattan, per passare negli anni '50 alla Rca Records, dove lavorò come sound engineer per Henry Mancini, Cal Tjader, Al Hirt, Rosemary Clooney, Liverpool Five e Sam Cooke. Nel 1966 divenne un produttore indipendente. Schmitt ha prodotto album per Jefferson Airplane, Eddie Ficher, Glenn Yarborough, Jackson Browne e Neil Young. Ha lavorato con Frank Sinatra (per Duets), Ray Charles (in Genius Loves Company) e Diana Krall. E' stato ingegnere del suono per Henry Mancini (“Moon River), Sam Cooke ("Another Saturday Night"), Madonna ("This Used to be My Playground"), Natalie Cole ("Unforgettable), Barbra Streisand ("The Way We Were"), Bob Dylan ""Shadows in the Night) e Paul McCartney ("Kisses on the Bottom").

Nel corso della sua carriera ha registrato e mixato oltre 150 album che sono stati riconosciuti come disco d'oro o disco di platino. Ha vinto 19 Grammy Awards, la maggior parte dei quali come ingegnere del suono e produttore discografico. Cinque di questi li ha vinti nel 2005 grazie al lavoro sul disco di Ray Charles "Genius Loves Company".