Musica, on line il video di “Ma questo sono io” di Sale

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 nov. (askanews) - E' on line da oggi, venerdì 4 novembre, il video di "Ma questo sono io", il nuovo singolo di SALE contenuto in Un eterno inutile presente, secondo lavoro discografico del cantautore romano vincitore di LAZIOsound, alla sua seconda prova dopo l'ottimo esordio con L'innocenza dentro me.

Un brano nel quale SALE (nella vita Eugenio Saletti) si mette a nudo: "E' una canzone a cui tengo molto - racconta - è un brano che parla della solitudine e della paura di non essere accettati. Parla dei nostri difetti, delle cose dette forse nei momenti sbagliati, delle serate dove ti vuoi divertire, ma in realta hai la testa ad altri pensieri. L'ho scritto in un momento di rabbia e di riflessione e ancora una volta dimostra di quanto la musica possa aiutare a superare i momenti difficili. Nel video sono solo, in una sala da concerto vuota, e intorno a me volteggiano le mie ansie e le mie paure. E alla fine mi decido a conviverci e ad accettarle".

Realizzato dal videomaker Gianluca Petruzzi, il video vede la presenza della danzatrice Angelica Dini. Il brano è stato suonato da grandi professionisti della musica che da anni affiancano SALE in studio e nei concerti: la coppia ritmica formata dal basso di Martina Bertini e la batteria di Filippo Schininà, Seby Burgio al piano e tastiere e Stefano Saletti alla chitarra che del disco è anche produttore artistico. Con "Un eterno inutile presente" SALE continua il suo percorso artistico che attinge alla tradizione della canzone d'autore italiana, unita alla passione per il rock inglese e a sonorità elettroniche, evolvendo un'impostazione ricca di originalità. I testi raccontano le sensazioni, le incertezze, la voglia di cambiamento: "Viviamo un eterno presente perché non abbiamo quasi più memoria del passato e non riusciamo a immaginare un futuro".

"Un eterno inutile presente" è una produzione di Ikona Concerti e dell'etichetta discografica indipendente Materiali Sonori (che ne cura anche la distribuzione digitale e fisica), realizzata nell'ambito del programma LAZIOSound di GenerAzioni Giovani e finanziata dalle Politiche Giovanili della Regione Lazio e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per la Gioventù.