Musica: Mika, 'il mio concerto sinfonico per tirare fuori la poesia dai brani pop'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ott. (Adnkronos) – “L'idea è di tirare fuori la poesia delle parole, che talvolta nel pop va persa perché pensiamo soprattutto al ritmo e a fare ballare. Mi piace mostrare tutte le diverse identità possibili di una canzone, e a ogni concerto sinfonico ne offriamo un arrangiamento diverso. È un progetto in evoluzione continua, senza pensare alle mode”. Spiega così, Mika al Corriere della Sera, ‘Mika symphonique’, il suo concerto con orchestra e coro alla Philarmonie de Paris, un progetto che reinventa in chiave di musica classica grandi successi pop. “Tutto il concerto – afferma il giudice di X Factor – è un racconto, una storia, scelgo le canzoni che possono dare a me e al pubblico l'emozione più intensa, evitando il musical. Non mi piace neanche l'espressione crossover, che di solito significa lasciare la canzone così com' è aggiungendo solo un tappeto morbido di archi… I pezzi vanno ripensati completamente”.

"Qualche anno fa – racconta la nascita della sua idea – ho fatto un tour negli Stati Uniti e qualche data anche in Canada, a Montréal è venuta a vedermi la mia amica giornalista Olivia Lévy. A un certo punto del concerto siamo rimasti io al piano, con un clarinetto e un accordeon, e Olivia alla fine mi ha detto: devi fare un concerto così, con l'orchestra sinfonica di Montréal. Le ho risposto ok, se loro vogliono perché no? È stata lei il motore di tutto. Per la Philarmonie di Parigi ha insistito il mio amico Marc-Olivier Fogiel. Adesso si sta parlando di un tour mondiale, da Berlino a Tokyo. Spostare tutta l'orchestra, un incubo logistico. Ma sarebbe fantastico”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli