Musica: Mogol, ‘il Premio Tenco lo avevo già preso quando Luigi mi chiese di scrivere per lui’

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 set. (Adnkronos) – “Lo avevo già perso il ‘Tenco’, quando Luigi mi propose di scrivere le canzoni con lui, fra cui ‘Ciao amore’, proposta che io rifiutati perché quel brano era già perfetto così”. Lo ha detto Giulio Rapetti Mogol durante la presentazione della 44esima edizione della Rassegna della canzone d'autore Premio Tenco2021, riconoscimento di cui il paroliere di Lucio Battisti è stato insignito e di cui si è detto “felice, mi fa piacere”.

“Luigi Tenco – ha ricordato il presidente della Siae – passava molte ore con mio padre quando andava a trovarlo, fa parte della mia età e se mi avesse dato retta non sarebbe morto. Gli dissi, in una locanda dove ci fermammo, di non andare a Sanremo, che non ne aveva bisogno. Mi rispose che gli avrebbe dato popolarità…. Alla fine seppi della sua morte e quell’anno andai al suo funerale. Era anche un grande interprete – dice ancora Mogol – Volevo che ‘Se stasera siamo qui’ la cantasse lui e mi accontentò. Per me lui era il Nat King Cole italiano".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli