Musica: Santa Cecilia riapre al pubblico con un concerto per la Croce Rossa (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il concerto si apre con la Sinfonia in re maggiore Wq 183 n. 1 di Carl Philipp Emanuel Bach – eseguita per la prima volta nei concerti dell’Accademia – e composta tra il 1775 e il 1776 dal più celebre dei figli di Johann Sebastian. Domina la seconda parte del programma la Sinfonia n. 6 in si minore “Patetica” di Čajkovskij, una pagina intensa che l’Accademia ha scelto per questo momento così delicato. La Sinfonia è una sorta di testamento musicale che dà voce allo struggimento di un uomo provato da una vita intensa e che forse percepisce essere arrivata a una fine imminente. Composta nel corso del 1893, la Sesta Sinfonia è legata all’ultima e definitiva crisi della sua esistenza interiore, culminata in una morte per molti versi inquietante e poco chiara (non è stato appurato se la causa di morte fu il colera, o se il compositore si tolse la vita) che avvenne nove giorni dopo la prima esecuzione di San Pietroburgo il 16 ottobre 1893.

Čajkovskij definì la sua ultima sinfonia il coronamento "della mia intera produzione" e il programma della sinfonia come "penetrato più del solito da soggettività […], da un carattere che rimarrà per tutti un enigma. Detto senza esagerazione, in questa sinfonia ho riposto tutta la mia anima".