Musk vuole aumentare il prezzo della spunta blu su Twitter e licenziare il 25% dei dipendenti

no credit

AGI - Elon Musk non ha perso tempo. Nel suo primo giorno da nuovo padrone di Twitter, il nuovo "Chief Twit" della società che ha comprato per 44 miliardi di dollari, ha già cambiato la home page della piattaforma e  studia la possibilità di far pagare di più i profili verificati di Twitter Blue (la versione premium della piattaforma) passando da 4,99 dollari al mese, a 19,99 dollari (secondo la testata The Verge).

Inoltre - ma manca la conferma ufficiale - si appresterebbe a licenziare un dipendente su quattro.

Già da qualche giorno agli utenti non connessi viene mostrata una pagina che rimanda ai contenuti della piattaforma. Prima di venerdì c'era il form per linkarsi o nel caso iscriversi. Il messaggio è chiaro e non ha molti doppi sensi: una scelta simile avrebbe richiesto mesi di discussioni, ora decide il miliardario di Pretoria. Testimoni hanno riferito che per tutto il fine settimana il miliardario si è barricato nel quartier generale di Twitter a San Francisco, circondato dai fedelissimi, con una flotta di Tesla parcheggiata all'esterno, protetto da uno stuolo di guardie di sicurezza.

Se da una parte il tycoon cerca di dare un segnale di cambiamento dell'azienda dall'interno verso l'esterno. Dall'altra voci ben informate che ci sono già gruppi di fedelissimi al lavoro sui licenziamenti. Non del board, quello Musk lo ha già fatto, ma dei 7.500 lavoratori dell'azienda. Quanti? Secondo indiscrezoni del Washington Post, il 25%.

Un piano di cui i dipendenti sono all'oscuro (la società deve ancora rilasciare l'annuncio ufficiale dell'acquisizione prevede licenziamenti a partire dal 1 novembre. Domenica Musk ha twittato che la segnalazione di imminenti licenziamenti su Twitter era "falsa”.

A occuparsi della faccenda sarebbe Alex Spiro, legale che rappresenta Musk da diversi anni. Spiro sta assumendo un ruolo attivo nella gestione di diversi team di Twitter, tra cui il team legale, quello delle relazioni governative, delle policy e del marketing.

Tutti i settori saranno colpiti da questa sforbiciata, secondo il Post, ma i tagli colpiranno in particolare il dipartimento vendite, prodotti, ingegneria, e legale. Secondo i documenti visualizzati dal quotidiano, dopo gli ingegneri, alcuni dei dipendenti più pagati di Twitter lavorano nelle vendite, dove molti guadagnano più di 300 mila dollari.

A proposito del cambio di policy per ottenere la spunta blu di profilo verificato, The Verge ha riferito che il nuovo management pensa ad una tariffa di poco meno di 20 dollari. La direttiva di Musk è cambiare Twitter Blue. Con il piano attuale, gli utenti verificati avrebbero 90 giorni per iscriversi o perderebbero il segno di spunta blu. Domenica ai dipendenti che lavorano al progetto è stato detto che devono rispettare la scadenza del 7 novembre per lanciare la funzione o verranno licenziati.