Mussolini: pubblicata per la prima volta la perizia psichiatrica completa di Violet Gibson

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 27 ott. – (Adnkronos) – Sarà pubblicata per la prima volta la perizia psichiatrica completa di Violet Albina Gibson (Dublino, 31 agosto 1876 – Northampton, 2 maggio 1956), figlia di Edward Gibson, primo Barone di Ashbourne e Lord Cancelliere d'Irlanda, la donna che il 7 aprile 1926 attentò alla vita di Benito Mussolini a Roma.

Il libro dal titolo "Aprile 1926: attentato al Duce. Violet Gibson, capace di intendere e di volere?" sarà in libreria l'11 novembre per i tipi di Fefè Editore.

Era una pazza o una tirannicida l'irlandese che per pochissimo non uccise Mussolini con un colpo di rivoltella? L'affissione di una targa commemorativa, a Dublino, sottolinea la nuova prospettiva con cui in Irlanda si guarda al personaggio di Violet Gibson, tentando dopo molti anni di restituirle onore. Anche in Italia qualcosa si muove nell'interpretazione del caso e della persona. In questo libro un nuovo originale approccio è proposto dal gruppo formato da uno psicologo, una storica, una regista/saggista, un sociologo del diritto. E soprattutto si pubblica, per la prima volta nella storiografia internazionale relativa all'attentato, la perizia integrale della Gibson redatta da due psichiatri luminari dell'epoca.

La perizia è accompagnata dai contributi di Giovanni Pietro Lombardo, professore ordinario di storia delle scienze e delle tecniche psicologiche, Rosanna De Longis, già direttrice della Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma, Gabriella Romano, regista e saggista, autrice di "Violet Gibson. La donna che cercò di uccidere il Duce" (2009), e Giovanni Tessitore, già professore associato di sociologia del diritto all'Università di Palermo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli