Mussomeli, case a un euro: la storia di Rubia Daniels

·3 minuto per la lettura
Sicilia
Sicilia

Il paese siciliano Mussomeli, situato in provincia di Caltanissetta, si trova al centro delle cronache internazionali per il rivoluzionario progetto delle case vendute a un euro che sta riscuotendo un particolare e significativo successo.

Tre case a un euro in Sicilia, l’affare dell’americana Rubia Daniels in provincia di Caltanissetta

Il paesino siciliano di Mussomeli ha aderito all’iniziativa case a un euro che consiste nella cessione di vecchie abitazioni ormai disabitate situate nel suo centro storico al costo simbolico di un euro.

Il progetto, estremamente apprezzato dagli stranieri che scelgono di avventurarsi alla scoperta della Sicilia per visionare il luogo, si pone come obiettivo quello di trasformare il centro agricolo quasi del tutto abbandonato in un ambiente dinamico e multiculturale.

La trovata di vendere le case a un euro ha incontrato il favore di molte persone che vivono all’estero come dimostra, ad esempio, la singolare storia di Rubia Daniels, originaria della California, negli Stati Uniti d’America.

La donna, infatti, si è recata a Mussomeli con l’idea di acquistare una casa ma, prima di concludere il suo soggiorno, ha deciso infine di comprarne tre, includendo anche i suoi figli. Il suo entusiasmo, poi, è riuscito a contagiare alche altre 20 persone che hanno deciso di diventare proprietarie di altrettante abitazioni dimenticate nel borgo.

Tre case a un euro in Sicilia: clausole e acquisto

Dopo aver scoperto l’inusuale progetto, Rubia Daniels ha deciso di verificarne la validità e sperimentare il fascino di Mussomeli in prima persona. Per questo motivo, ha organizzato un viaggio in Sicilia per visionare il borgo antico del quale si è presto innamorata, scegliendo di acquistare tre case al costo di un euro, nella consapevolezza di dover affrontare altre spese destinate, ad esempio, a ristrutturare l’edificio prescelto o a saldare le relative tasse comunali.

L’iniziativa, quindi, favorisce contemporaneamente la trasformazione e il rimodernamento dei borghi e l’entrata di nuovifondi da investire nei Comuni.

Nel contratto d’acquisto, poi, sono presenti anche alcune clausole che prevedono:

  • la presentazione di un progetto di recupero e ristrutturazione dell’immobile entro e non oltre un anno dall’acquisizione dell’immobile;

  • l’inizio dei lavori di ristrutturazione entro sei mesi dal rilascio della concessione edilizia;

  • la stipula di una polizza fidejussoria di importo pari a 5.000 euro a favore di Mussomeli e di durata pari a tre anni che verrà restituita al proprietario della casa allo scadere del termine, a patto che si sia proceduto con i lavori di ristrutturazione.

Tre case a un euro in Sicilia, la testimonianza di Rubia Daniels

Accettando e rispettanto tutte le clausole proposte, Rubia Daniels ha iniziato i lavori in una delle tre case comprate, spendendo sinora circa 12mila euro, dopo aver fissato un budget di 20mila euro per ciascuna abitazione.

A proposito del suo amore per il paesino siciliano, la donna californiana ha spiegato: “Mussomeli è tutta una questione di socializzazione. È un posto dove scorre tutto in maniera più lenta. È stata un’esperienza molto positiva. I cittadini sono molto cordiali. Rendono davvero facile per le persone arrivare qui e perseguire i propri sogni. Mussomeli sta diventando un luogo multiculturale con persone provenienti da tutto il mondo”.

La stessa Rubia Daniels, del resto, ha contribuito a sponsorizzare il progetto spingendo quasi 20 persone a investire in altrettante proprietà. Su questo argomento, la donna ha precisato: “La gente ha bisogno di avere però coscienza della realtà. Se mi vendi una casa per un euro, so che dovrò aggiustarla e investire. Lo scopo è quello di rivitalizzare la città ed è per questo che la casa viene pagata solo un euro”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli