Musulmani lanciano oggetti, disordini a Spianata Moschee

webinfo@adnkronos.com

Diversi fedeli musulmani che celebrano oggi l'Eid al-Adha, Festa del sacrificio, sono rimasti feriti durante i disordini con la polizia israeliana scoppiati sulla Spianata delle Moschee, il Monte del Tempio per gli ebrei, a Gerusalemme. Il quotidiano israeliano 'Ha'aretz' parla di 61 feriti ricoverati in ospedale. In previsione di possibili tensioni nella giornata di oggi - che vede coincidere la festività dell'Eid-al-Adha con il giorno di lutto e digiuno per gli ebrei, il Tisha B'Av, la polizia aveva chiuso la Spianata delle Moschee ad ebrei e turisti.  

I disordini - riferisce 'Ha'aretz' citando le forze dell'ordine - sono scoppiati quando i fedeli musulmani hanno iniziato a lanciare oggetti. Gli agenti hanno fatto uso di granate stordenti e di gas lacrimogeni. Intanto la decisione di chiudere il Monte del Tempio agli ebrei ha fatto insorgere esponenti della destra nazionalista israeliana: il ministro dei Trasporti Bezalel Smotrich ne ha chiesto la riapertura "dopo la rimozione dei terroristi".  

Intanto, un terrorista armato di Gaza si è avvicinato al confine israeliano e ha sparato verso i militari israeliani. I militari hanno risposto al fuoco e lo hanno ucciso. E' quanto riferisce l'Israel Defense Forces (Idf). In seguito i carri armati israeliani hanno preso di mira un obiettivo del Hamas, riferisce sempre l'Idf. E' la seconda volta consecutiva in cui terroristi armati cercano di passare il confine.Ieri, infatti, quattro miliziani palestinesi sono stati uccisi dall'esercito israeliano mentre da Gaza tentavano di penetrare nel territorio di Israele. 

Non ci sarebbero feriti da parte israeliana. Un portavoce del ministero della Salute a Gaza ha detto poco dopo che il corpo di un palestinese di 26 anni di Beit Hanun nella Striscia di Gaza settentrionale era stato portato in ospedale.