Myanmar, 5 anni di carcere per corruzione ad Aung San Suu Kyi

featured 1601372
featured 1601372

Yangon, 27 apr. (askanews) – Un tribunale del Myanmar ha condannato l’ex leader birmana e premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi, a cinque anni di carcere per corruzione.

La 76enne Suu Kyi, detenuta dal golpe militare del marzo 2021 che ha messo fine a dieci anni di transizione democratica nel Myanmar, è accusata di numerosi reati (fra cui violazione del segreto di Stato, frode elettorale e sedizione) e potrebbe accumulare decine di anni di carcere. In questo caso l’accusa riguarda una tangente di 600.000 dollari in contanti e lingotti d’oro.

L’ex leader birmana si trova attualmente ai domiciliari in attesa della fine del suo processo, che si tiene a porte chiuse e con il divieto per i suoi legali di parlare alla stampa o alle organizzazioni internazionali.

Suu Kyi – cui è già stata inflitta una prima condanna a sei anni – ha trascorso 15 anni ai domiciliari sotto le precedenti dittature militari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli