Myanmar, oltre 700 vittime inizio proteste anti golpe

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Il numero delle vittime della repressione messa in atto contro i manifestanti dai militari golpisti a Myanmar è salito ad oltre 700. A denunciarlo è l'Associazione di assistenza ai prigionieri politici (Aapp), secondo cui i morti sono almeno 701: nella sola giornata di venerdì, almeno 82 persone sono state uccise nella città sudorientale di Bago, dove secondo alcuni media locali i militari hanno fatto uso di artiglieria pensante contro i civili.

"L'Onu - ha scritto su Twitter l'ufficio delle Nazioni Unite in Myanmar - sta seguendo gli eventi a Bago e le notizie del ricorso all'artiglieria pesate contro i civili e dell'assistenza medica negata ai feriti". Sempre nelle manifestazioni, secondo Aapp, che denuncia il ricorso alla tortura sui detenuti, i militari al potere dal primo febbraio hanno arrestato circa 3mila persone.