Myanmar: suora in ginocchio implora la polizia di non sparare

·1 minuto per la lettura

Una suora cattolica è diventata il simbolo delle violenze esplose in Myanmar. Si chiama Ann Nu Thawng, appartiene alla congregazione religiosa di San Francesco Saverio, istituto di diritto diocesano di Myitkyina e si è messa in ginocchio per supplicare le forze di sicurezza di non sparare sui giovani che protestano pacificamente.
La foto, che è stata postata sui social dal cardinale Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon, è diventata subito virale.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Su Twitter il cardinale Bo ha scritto: "Oggi la rivolta è stata grave a livello nazionale, la polizia sta arrestando, picchiando e persino sparando alle persone. In lacrime, suor Ann Nu Thawng implora e ferma la polizia affinché smetta di arrestare i manifestanti".

Le proteste in Myanmar sono esplose esattamente un mese fa dopo un colpo di Stato portato a termine dell'esercito birmano. Solo nelle ultime ore sono stati uccisi ben 18 manifestanti anti golpe e altri 30 sono rimasti feriti.

GUARDA IL VIDEO: Myanmar, polizia apre il fuoco sui manifestanti: almeno 18 morti

LEGGI ANCHE: Proteste anti golpe in Myanmar, barricate e scontri a Yangon