Un partito monarchico? Emanuele Filiberto ci sta pensando

Il principe Emanuele Filiberto di Savoia, 46 anni (LaPresse)

Il ritorno del partito monarchico in Italia? Emanuele Filiberto ci sta pensando seriamente. Il figlio di Vittorio Emanuele, 46 anni, nipote dell’ultimo re d’Italia, Umberto II, potrebbe fare il suo ingresso in politica. Basta dare un occhio ai sondaggi per rendersi conto che l’operazione potrebbe rivelarsi una mossa azzeccata. Almeno dal punto di vista elettorale.

I sondaggi

Il 15 per cento degli italiani vorrebbe Emanuele Filiberto in politica. Tradotto in numeri, significa circa dieci milioni di italiani. I numeri sono quelli dell’ultimo sondaggio realizzato dall’istituto Piepoli. Un partito monarchico moderno potrebbe avere un buon appoggio da parte delle popolazione. Soprattutto se a guidarlo c’è Emanuele Filiberto.

Il principe 2.0

E’ sorridente, affabile ed espansivo: Emanuele Filiberto è un principe che piace alla gente. E’ stato anche un volto televisivo con la partecipazione e il trionfo a “Ballando sotto le stelle”, nel 2009. In una delle sue recenti interviste, al giornale online Lsd Magazine, il principe ha risposto alla domanda: “Come vede la nobiltà nel 2000?”. “Io non ho mai vissuto la nobiltà come lei intende – è stata la replica di Emanuele Filiberto di Savoiaho questo titolo dalla mia famiglia, vero, ma oggi il mondo è cambiato, è diverso e ci sono altri modi per esprimersi. Io mi sento in fondo uno dei tanti e tra l’altro non mi sono mai messo su di un piedistallo”.

La monarchia in Italia

Pare ormai fuori moda, ma in politica non si sa mai. Il momento è delicato e un partito monarchico potrebbe raccogliere il consenso di chi si sente deluso e in parte di chi si è allontanato dalla vita politica. Oggi il principe Savoia non nasconde il suo sostegno all’attuale governo gialloverde. Il suo ingresso in politica potrebbe dare una scossa al sistema sempre meno amato dagli italiani.

Leggi anche:

In Francia i corvi lavorano come spazzini nei parchi

Cerca l’anima gemella e non la trova, condannata agenzia matrimoniale

Vacanze, finita l’era dei villaggi all inclusive. Si punta su benessere e natura