"Nadia non temeva la morte, diceva che qualcuno lassù aveva altri progetti per lei"

HuffPost

“Nadia non aveva paura della morte, alla fine era lei a confortare noi”. A parlare è Fabrizio Gardina, dottore fisioterapista che è stato accanto a Nadia Toffa durante la malattia.

La conduttrice de Le Iene, prematuramente scomparsa dopo una lunga battaglia contro un tumore, aveva ringraziato pubblicamente Gardina lo scorso maggio su Instagram. Oggi il medico racconta gli ultimi mesi di Nadia Toffa sulle pagine del Messaggero.

È stato un onore starle vicino in un momento così difficile. Sembra incredibile, ma era lei che cercava di confortarci. È stata una guerriera in vita e lo è stata fino alla fine. Non ha mai mostrato nessun segno di cedimento in questa situazione. Anzi.

Gardina racconta di aver conosciuto la conduttrice quindici anni fa, dopo che il padre aveva necessitato di cure riabilitative a seguito di un intervento. Nadia Toffa, prosegue il medico, non si è mai lamentata della malattia, lottando fino alla fine.

Non ha mai voluto parlare della morte, direttamente, ma sapeva benissimo che stava per affrontare questo passaggio. Ripeto: era lei a confortarci, anche perché sapeva che la vita va oltre la vita.

A fine maggio, la presentatrice aveva condiviso su Instagram uno scatto che la ritraeva sorridente accanto al suo medico, che oggi dice:

Sa cosa diceva? ‘Probabilmente devo fare qualcos’altro da un’altra parte’. Sapeva di aver fatto tutto quello che poteva, qua. E lo ha dimostrato con i fatti. Sono sicuro che sta già lottando da qualche altra parte, così come ha fatto su questa terra.

Continua a leggere su HuffPost