Nadia Norbedo era con i manifestanti anti Green Pass e la sua scelta ha mobilitato la Regione

·1 minuto per la lettura
Nadia Norbedo
Nadia Norbedo

Arriva da Trieste l’ennesima controversa vicenda legata alle regole Covid, dove un’infermiera no vax in servizio in una terapia intensiva ha protestato con i portuali di Trieste ed è stata sospesa.

Infermiera no vax sospesa, era a manifestare con i portuali di Trieste

Secondo quanto riporta il Gazzettino Nadia Norbedo era assieme ai i manifestanti anti Green Pass e proprio la sua partecipazione avrebbe innescato il provvedimento di sospensione da parte dell’ospedale Maggiore di Trieste. Usiamo il condizionale perché non è certo il nesso causa effetto fra partecipazione e provvedimento e perché allo stato non ci sono comunicati ufficiali della sanità della Regione Friuli.

Nadia, l’infermiera no vax “a sorpresa” del Maggiore, è stata sospesa dal servizio

Nadia è impiegata proprio nel reparto più cruciale di un ospedale, in terapia intensiva, tuttavia non ha fatto il vaccino, elemento questo che deve aver colto in contropiede la sanità regionale, e sostiene convintamente le ragioni della protesta No Green Pass.

Le dichiarazioni dell’infermiera no vax sospesa a Rai Tre: “Sono contro il Green Pass e non sono vaccinata”

La sua partecipazione alle manifestazioni di Trieste è stata resa nota da alcune sue dichiarazioni rilasciate davanti alle telecamere di Rari Tre: “Io sono contro il green pass, misura restrittiva e obbligatoria che ci controlla tutti. Sono un’infermiera ma non sono vaccinata, sono favorevole alla libera scelta”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli