Nadia Toffa, la grande bugia di mamma Margherita per il suo bene: cosa le disse

Margherita Rebuffoni ha ora una missione: portare avanti le volontà e gli insegnamenti della figlia Nadia Toffa, deceduta – lo ricordiamo – lo scorso 13 agosto. In una toccante intervista rilasciata al Corriere della Sera, la madre della Iena guerriera ha svelato qualche dettaglio in più gli ultimi giorni di vita della giornalista 40enne confessando di averle detto una grande bugia, ma solo a fin di bene.

Nadia Toffa e la bugia di mamma Margherita, la confessione a 4 mesi dalla sua morte

“All’inizio dell’estate – ha confessato la donna – le ho raccontato una bugia: le ho detto che ero debilitata, che avevo bisogno di essere ricoverata alla Domus Salutis per delle cure. E le ho chiesto di venire con me, visto che avevamo promesso di non lasciarci”.

Leggi anche: >> NADIA TOFFA, ILARY BLASI ASSENTE AL COMMOVENTE TRIBUTO: ECCO PERCHÉ NON SI È PRESENTATA

“Non sapeva che è una struttura per malati terminali – ha aggiunto mamma Margherita –. È venuta a mancare lì, il giorno prima mi sono accorta che era cambiata. Ho cercato di affrontare la sua malattia con rispetto. ‘Quando vuoi, vola tesoro mio’, le sussurravo”.

SABRINA PARAVICINI, 1 ANNO È PASSATO DALLA TERRIBILE DIAGNOSI: COME SI ACCORSE DEL TUMORE AL SENO, IL RACCONTO DA BRIVIDI La signora Margherita ha riflettuto sul fatto che questo sarà il primo Natale senza la figlia eppure la sente accanto come non mai. https://www.instagram.com/p/B1JDdHgCGLu/ Leggi anche: >> NADIA TOFFA E IL FIDANZATO, IL POST ATROCE: “NON MI HA MAI ACCOMPAGNATO”, SOLO ORA LA MADRE SVELA LA VERITÀ Qualche settimana fa, a Domenica In, aveva presentato il libro postumo di Nadia Toffa “Non fate i bravi”, ripercorrendo tutto il calvario vissuto il più delle volte col sorriso dalla Iena:

“Amava la vita e amava la verità, voleva sempre aiutare gli altri. Mi ha dato un regalo in questi 18 mesi, ora so quando mi alzo cosa devo fare”.

Come da istruzioni della figlia, infatti, Margherita Rebuffoni ha istituito una Fondazione a suo nome per la ricerca sulle malattie oncologiche ed è stato anche intitolato a suo nome il nuovo reparto di oncologia pediatrica di Taranto. Foto@Kikapress