Nadia Toffa, morta la nonna Maria: non ha retto al dolore

nadia toffa

Nadia Toffa è morta il 13 agosto scorso e, a distanza di qualche giorno, anche la sua adorata nonna Maria è scomparsa. È Fanpage.it a diffondere la notizia. I funerali della donna, famosa anche per essere la più anziana del paese di residenza, si sono svolti in forma privata martedì 20 agosto.

Nadia Toffa: è morta la nonna

Maria Cocchi era nata a Braone il 25 gennaio del 1922 ed era conosciuta in tutto il paese per essere la nonna di Nadia Toffa. La donna non avrebbe retto al dolore per la morte dell’adorata nipote e si è spenta pochi giorni dopo la sua dipartita. I funerali si sono svolti martedì 20 agosto alle 10:30 in forma privata e a confermarlo a Fanpage.it sono stati gli uffici della Parrocchia di San Martino Vescovo in Cerveno. La signora Maria non era conosciuta solo per essere la nonna della conduttrice de Le Iene, ma anche perché era la donna più anziana del paese. La donna, qualche anno fa, aveva perso il marito Enrico e viveva sola. La sua è stata una vita dedica alla famiglia, prima alle sue tre figlie e poi ai cinque nipoti. Tra questi, ovviamente, c’era anche Nadia che, quando era piccolina, era un vero e proprio vulcano. I quotidiani locali ricordano la signora Cocchi come una donna sempre elegante e di grande cuore. Il comune di Cerveno, di circa 700 abitanti, si trova ai piedi della Concarena, nella parte occidentale della Val Camonica e la signora Maria amava la sua terra. La sua morte, a pochissimi giorni di distanza da quella della Toffa, sembra quasi uno strano scherzo del destino.

La morte di Nadia

Nadia Toffa si è spenta il 13 agosto e qualche giorno dopo la sua adorata nonna Maria l’ha raggiunta. Considerando che i funerali della signora Cocchi si sono svolti martedì 20 alle 10:30, immaginiamo che la donna sia morta domenica 18. Così come sostengono numerosi quotidiani, la dolce nonnina non avrebbe retto il dolore per la perdita della nipote. I funerali di Nadia, avvenuti nel Duomo di Brescia che non è riuscito a contenere la folla, sono stati celebrati il 16 agosto da Don Maurizio Patriciello, sacerdote simobolo della “Terra dei Fuochi”. Prima di morire, la Toffa aveva espresso il desiderio di averlo come celebrante del suo ‘ultimo viaggio terreno’ e il parroco ha mantenuto la promessa fatta alla sua amica de Le Iene. L’omelia è stata molto commovente: “Nadia ha avuto fame e sete di giustizia dove ci sono i più bistrattati, nella Terra dei Fuochi. Nadia era dalla parte dei più deboli. Nadia, tu sei stata amata perché hai amato la verità e hai fatto del tuo lavoro una missione, come dovremmo fare tutti (…) Nadia non si è vergognata della sua malattia, qualcuno non lo ha compreso. Come si fa a comprendere una ragazza bella e sveglia che dice ‘porto una parrucca’? Lei ha avuto il coraggio di dire ‘questa è una parrucca’. Nadia, hai raccontato la tua paura, le tue speranze, la tua è stata vita sino all’ultimo respiro. Hai capito che la vita è vita anche quando ti fa pensare”. Immaginiamo che Nadia e la sua adorata nonnina siano insieme, strette in un abbraccio infinito.