Nadia Toffa, striscioni allo stadio di Taranto: “Siamo pazzi di te”

stadio nadia toffa

Lo stadio di Taranto, “Erasmo Jacovone“, si è unito in un coro per ricordare la conduttrice e inviata di Le Iene Nadia Toffa, morta a 40 anni il 13 agosto scorso. Poco prima del fischio di inizio della partita contro il Fasano, infatti, i tifosi hanno scandito il nome di Nadia Toffa per abbracciarla idealmente. Nel capoluogo pugliese, inoltre, la conduttrice di Italia 1 era stata insignita della cittadinanza onoraria. Anche i lavoratori dell’Ilva, infine, sono legati a Nadia. Ma il coro per lei è arrivato dalla Curva dei tifosi del Taranto.

Nadia Toffa, il ricordo allo stadio

Luci soffuse, lampade colorate, striscioni sugli spalti e cori unanimi per ricordare Nadia Toffa, la conduttrice e giornalista morta a causa di un cancro al cervello. Succede allo stadio di Taranto, dove la Curva dei tifosi della città ha iniziato a intonare a gran voce: “Siamo pazzi di te”. Un blackout durato pochi minuti, giusto il tempo per abbracciare idealmente la giornalista. Poi il fischio di inizio della partita. Infine, l’esposizione dello striscione: ‘Nuje assim pacc pe te!’ che significa appunto ‘Siamo pazzi di te’. Un bellissimo gesto dalla città di Taranto che è sempre stata legata a Nadia Toffa.

Nadia Toffa, blackout allo stadio i tifosi del Taranto intonano un coro da brividi

Le esequie

Venerdì 16 agosto a Brescia si sono tenuti i funerali di Nadia Toffa. Presenti nel sagrato del Duomo anche la delegazione Tamburi, il quartiere nel quale Nadia aveva realizzato diverse inchieste sul colosso della produzione di acciaio. “Ciao Guerriera” avevano detto i presenti. Poi, Davide Parenti, l’ideatore di Le Iene, aveva aggiunto: “È stata bravissima a portare avanti tutto nonostante le condizioni di salute. Nadia lo sapeva ma è andata avanti lo stesso, ha condotto il programma sapendo che sarebbe finita così”.