Nagorno Karabakh, monastero di Dadivank sotto protezione russa

·1 minuto per la lettura
Nagorno Karabakh, monastero di Dadivank sotto protezione russa
Nagorno Karabakh, monastero di Dadivank sotto protezione russa

Dadivank, 17 nov. (askanews) – Il monastero ortodosso di Dadivank è stato posto sotto la protezione della Russia nell’ambito dell’accordo di pace che ha portato alla fine del conflitto militare tra Armenia e Azerbaigian sulla regione separatista del Nagorno Karabakh.

Secondo il portavoce del Ministero della Difesa russo Igor Konashenkov: “in conformità con il Decreto del Presidente della Federazione Russa del 10 novembre 2020, prosegue il dispiegamento del contingente russo delle forze di mantenimento della pace nel territorio del Nagorno-Karabakh. Nelle aree dell’operazione di mantenimento della pace lungo la linea di contatto delle parti è stato completato il dispiegamento dei posti di osservazione delle forze di pace russe, che monitorano la situazione 24 ore su 24”.

In base a quanto riferito da Konashenkov, “il 15 novembre di quest’anno, 475 rifugiati sono tornati in Nagorno-Karabakh dal territorio della Repubblica di Armenia, accompagnati dalle pattuglie delle forze di pace russe e dalla polizia militare. In totale, dal 14 novembre 2020, 725 persone che avevano precedentemente lasciato il territorio del Nagorno-Karabakh a causa delle ostilità sono tornate ai loro luoghi di residenza.

In accordo con gli accordi raggiunti in Nagorno-Karabakh, continua lo scambio dei corpi dei morti. Viene effettuato sotto il coordinamento delle forze di mantenimento della pace della Federazione Russa e del Comitato internazionale della Croce Rossa. Sono in corso lo sminamento e la pulizia completa dell’area da oggetti esplosivi nel corridoio Lachin. Oggi 1 km di mine sono stati esaminati e bonificati. Strada Stepanakert-Goris, 27 unità di veicoli rotti e danneggiati sono stati rimossi dalla carreggiata e dai bordi delle strade”.