Nancy Porsia: "Anziché essere protetta venivo intercettata"

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 3 apr. (Adnkronos) – "Il retrogusto amaro di tutta questa faccenda è avere la conferma che chi doveva proteggermi invece mi intercettava. Questo è certo. La mia vita era in pericolo e loro lo sapevano". E' lo sfogo con l'Adnkronos di Nancy Porsia, la giornalista freelance intercettata nell'inchiesta della Procura di Trapani su alcune ong. Anche se il Procuratore Maurizio Agnello ha anticipato all'Adnkronos che di quelle intercettazioni "non c'è traccia nell'informativa".

Tra le conversazioni registrate della giornalista, che da anni si occupa delle rotte dell'immigrazione ma soprattutto della Libia, ci sono anche alcune con la sua legale, l'avvocata Alessandra Ballerini. "Loro sapevano dei contatti di alcuni attori importanti del traffico di esseri umani e le connivenze politiche che avevano tra Italia e la Libia, ma non mi hanno protetta – dice ancora la giornalista – E allo stesso tempo c'è anche la violazione totale al diritto dell'informazione e al diritto di una giornalista a tutelare le proprie fonti, perché c'è tanto materiale sensibile che ora può essere visionato da molte persone e poi il fatto che, ancora una volta, viene fuori in maniera prepotente i freelance siano lasciati senza tutele. Perché, ripeto la dico come giornalista freelance, sarebbe stato diverso se non fossi stata freelance".

Poi Porsia si chiede perché "trascrivere le conversazioni con l'avvocata Alessandra Ballerini"?. "Ci siamo sentite in questi giorni – dice la giornalista di inchiesta – Perché trascriverle quelle conversazioni? Di fatto non è stato trascritto tutto quello che è stato detto da me in sei mesi, perché non sarebbero bastate 30 mila pagine solo per le mie intercettazioni. Solo alcune parti sono state trascritte". "In una inchiesta che punta a sviscerare i rapporti tra le ong e i trafficanti di esseri umani che cosa c'entra con la conversazione tra me e la mia legale?".