Nanni si insedia alla Pg di Milano: Borrelli mio riferimento

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 gen. (askanews) - E' Francesco Saverio Borelli, magistrato che diresse la procura di Milano negli anni di Tangentopoli, "il punto di riferimento" di Francesca Nanni, prima donna nella storia nominata dal Csm come procuratore generale di Milano. "Mi darò molto da fare per essere all'altezza dei miei predecessori, e Francesco Saverio Borrelli sarà un punto di riferimento pur non avendolo conosciuto, anche a Genova abbiamo sempre avuto come punto di riferimento gli uffici milanesi. Borrelli è una figura imprescindibile", ha evidenziato incontrando i giornalisti nel giorno del suo insediamento ufficiale.

Sessant'anni, origini liguri, Nanni arriva a Milano dopo aver diretto la procura generale di Cagliari: "Per me - ha detto - è un cosa naturale essere la prima donna a ricoprire questo ruolo alla Procura generale di Milano: sono estremamente soddsifatta e orgogliosa. Nel corso della mia carriera mi sono accorta di aver sempre ricoperto la figura di prima donna in quell'incarico, sono stata procuratore generale a Cagliari, procuratore capo a Cuneo, e ancora prima a Sanremo e a Genova dove ho guidato la Dda. Mi impegnerò per meritarmi tanta stima in questo ufficio così importante, sicuramente tra le più importanti procure generali d'Italia. Un ruolo molto impegnativo e stimolante".

Ruolo che "Nella mia esperienza - ha evidenziato il neo procuratore generale di Milano - ho sempre apprezzato la concretezza delle donne, che hanno grandi doti di organizzazione, e sono particolarmente brave, creative e concrete". Infine una riflessione sugli effetti del Coronavirus, "che ha sconvolto e continua a sconvolgere la vita in tutti gli aspetti. Sono convinta che dobbiamo cercare di sviluppare quei pochissimi aspetti positivi che derivano dall'esperienza del Coronavirus, ad esempio un certo senso di comunità, che seppur timido ed embrionale è presente. Anche gli operatori del diritto si sono resi conto che possono collaborare tra loro, altrimenti la battaglia è persa. Ad esempio sull'informatizzazione della giustizia sono stati fatti passi avanti che non erano stati compiuti in 10 anni".