**Napoleone: Augias, 'La sua azione militare fu travolgente ma effimera'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 apr. (Adnkronos) – Un'azione tanto 'travolgente' quanto effimera. E' questo il dato più rilevante, nell’operato di Napoleone, che il giornalista e scrittore Corrado Augias mette in rilievo parlando con l’Adnkronos, in vista del bicentenario della morte del generale che cadrà il prossimo 5 maggio. Un’azione che, al contrario, sotto il profilo culturale, si è mostrata più duratura e solida. In Napoleone, infatti, "stupisce questo: che la sua azione travolgente dal punto di vista militare e della creazione di nuovi stati e nuovi sovrani, fu molto effimera. Invece è stata più duratura l’altra sua azione: cioè la fondazione di grandi istituti culturali a cominciare dal museo del Louvre e alcune grandi innovazioni del codice civile", afferma Augias.

“Colpisce – dice lo scrittore e giornalista nonchè noto volto della divulgazione culturale televisiva – nell’operato di Napoleone la breve durata delle sue azioni perché, se si conta dalla prima Campagna d’Italia del 1896 a Waterloo del 1815, passano meno di 20 anni. In quel breve periodo, Napoleone ha messo a soqquadro l’Europa ma, sconfitto lui e prima ancora che morisse nel 1821, l’ancien régime grazie anche al Congresso di Vienna, che si svolge nello stesso anno di Waterloo, rimise in ordine tutte le cose come erano prima di Napoleone. Fu la Restaurazione che fu tra l’altro particolarmente pesante in Italia e nella fattispecie negli Stati della Chiesa".