**Napoleone: Ferrero, 'E' stato un riformatore, ha inventato la meritocrazia'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Temi, questi ultimi, che lo scrittore ha sviscerato nel suo ultimo saggio, ‘Napoleone in 20 parole’ nel quale ha voluto raccontare “in 20 grandi temi chiave gli aspetti che di Napoleone ci interessano maggiormente. E che sono, appunto, quelli dello statista, del manager, dell'organizzatore, del riformatore, dell'innovatore, del costruttore. Napoleone amava costruire, e questa sua azione ha cambiato l’Europa. Pensiamo solamente a cosa abbia significato potenziare un grande museo nazionale come il Louvre".

"E lasciamo stare – osserva Ferrero – che lo abbia fatto attraverso i furti d’arte di cui l’Italia è stata una delle principali vittime. Ma ha anche potenziato Brera”. Iniziative che nascondono l’idea che la “cultura è uno strumento potente di educazione di un popolo”. Un altro elemento che Ferrero descrive è la sua “straordinaria capacità di comunicatore e di inventore del mito e della leggenda di sé medesimo sin dalla prima campagna d’Italia. E’ stato il vero inventore dei tweet: in fondo gli uscivano dalla bocca degli aforismi perfetti”, conclude Ferrero.