Napoleone: l'imperatore invade le librerie, fioccano le proposte sugli scaffali/Adnkronos

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 mag. (Adnkronos) – Dai saggi ai libri che raccontano il mito, passando per i testi che descrivono le ultime fasi della sua vita. Senza dimenticare la vasta eco che hanno riscosso, tra i letterati e gli scrittori di casa nostra, la sua figura e le sue gesta. In occasione del bicentenario della morte, che cadrà domani, l'imperatore Napoleone Bonaparte 'invade' le librerie italiane, e non solo quelle francesi. Sono davvero tanti, infatti, i volumi che accompagnano l'anniversario: fioccano, sugli scaffali, le proposte con cui gli studiosi 'declinano' il tema studiandone da molti punti di vista.

Il grande statista e il manager sono al centro dell'ultimo lavoro di Ernesto Ferrero, il quale nel 2000 con ‘N’, romanzo in cui racconta i dieci mesi dell’esilio all’isola d’Elba ha vinto il premio Strega. Ora Ferrero torna ad occuparsi del generale corso nel saggio ‘Napoleone in 20 parole’, in libreria con Einaudi. Un libro in cui lo scrittore condensa l’esperienza napoleonica in 20 temi-chiave che ne hanno segnato l’ascesa e la sua evoluzione. Temi fondamentali che mettono in rilievo, ad esempio, le inesauribili capacità organizzative di Napoleone, le sue tecniche di comunicazione, la sua progettualità visionaria o il fatto che Napoleone fu, secondo Ferrero, l’inventore della meritocrazia.

Il bicentenario offre anche l'opportunità di riproporre ai lettori le grandi biografie che hanno rappresentato le gesta dell'imperatore. E' il caso, ad esempio, di 'Vita di Napoleone' di Stendhal ripubblicata da Mursia e da Garzanti. Un'altra biografia di rilievo, approdata sugli scaffali, è 'La caduta di Napoleone'' di Stefan Zweig (Garzanti), così come di rilievo è il volume 'Massime e pensieri di Napoleone', in libreria con Sellerio, redatto da Honoré de Balzac. Un saggio "che sta a Napoleone come il Vangelo a Gesù…e sarà la sua storia sotto forma algebrica, vi si vedrà l'uomo astratto, l'Idea al posto dell'Azione''.