Napoli, 100 persone senza protezioni individuali per una festa

·3 minuto per la lettura
Napoli compleanno battesimo villa
Napoli compleanno battesimo villa

Mentre gli italiani sperano di godersi presto l’estate, tra uscite e festeggiamenti, gli esperti raccomandano ancora massima prudenza. Nonostante la zona gialla introdotta in molte Regioni, le feste private restano vietate. A lungo sono stati vietati i matrimoni con ricevimenti e banchetti. Il nuovo decreto chiarisce le regole per l’organizzazione di matrimoni, comunioni, battesimi, cresime e feste in generale. La cerimonia, sia in chiesa sia in forma civile, può essere celebrata. Tra la fine del mese di aprile e gli inizi di maggio, sono state allentate le restrizioni, ma resta il divieto per le feste. Ha inevitabilmente suscitato molte polemiche quanto successo a Napoli, dove 100 persone hanno festeggiato un compleanno e un battesimo in villa, senza rispettare i divieti imposti per il contenimento del Covid-19.

Gli invitati alle feste, infatti, hanno creato maxi assembramenti, disinteressandosi delle restrizioni. In pochi indossavano la mascherina e nessuno ha mantenuto il distanziamento sociale. La musica ad alto volume ha insospettito e all’arrivo dei carabinieri gli invitati hanno cercato di fuggire.

Napoli, 100 persone a un compleanno e a un battesimo in villa

Dopo le polemiche per gli assembramenti dei tifosi interisti, radunati in piazza Duomo domenica 2 maggio per festeggiare la vittoria dello scudetto, preoccupa e alimenta le critiche quanto successo nel capoluogo campano.

I continui assembramenti preccoupano a causa dei grossi rischi che possono generare per la salute pubblica. La paura è che nell’arco di poche settiamane si possa assistere a una nuova, brusca, risalita dei casi di coronavirus. Gli esperti hanno già chiarito i rischi di quanto accaduto negli ultimi giorni e mettono in guardia sulle possibili conseguenze.

Dopo un anno di pandemia (e regole ormai basiche che dovrebbero essere fondamentali per ogni cittadino), in molti sembrano dimenticarsi dell’emergenza sanitaria ancora in corso e del rischio – sempre presente – di una sua preoccupante espansione. Nonostante pare che in Italia l’indice di positività stia calando, il numero dei decessi resta alto e l’allarme esiste ancora. Abbassare la guardia in un momento delicato potrebbe essere deleterio per il Paese. Anche se la campagna vaccianale sembra procedere a ritmi più spediti, gran parte dei cittadini italiani non sono ancora protetti: assembramenti e mancanza di mascherina rappesentano i rischi maggiori.

Napoli, compleanno e battesimo in villa: la dinamica

Un centinaio di persone sono state sorprese all’interno di una villa per ricevimenti a Pianura, quartiere della periferia occidentale di Napoli. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri della stazione locale di Posillipo e del radiomobile di Napoli.

Stando a quanto reso noto dagli agenti intervenuti, nella villa erano in corso due cerimonie distinte: un battesimo e un compleanno. All’arrivo delle forze dell’ordine, in molti pare si siano spaventati e così sono scappati, nella speranza di passare inosservati e non essere indiviuati.

Napoli, compleanno e battesimo in villa: le sanzioni

Nonostante la fuga di numerosi partecipanti alle due cerimonie, i militari della stazione di Pianura sono riusciti a identificare molti dei presenti.

Gli invitati che hanno partecipato alle feste contravvenendo ai divieti imposti sono già stato multati. Sanzionato anche il titolare dell’attività, la quale è stata sospesa per 5 giorni.