Napoli, 63enne pestato per parcheggio scomodo: due arresti

Psc

Napoli, 27 lug. (askanews) - L'hanno colpito con calci e pugni, procurandogli la rottura dell'osso nasale e causandogli traumi guaribili in trenta giorni a causa di un parcheggio. E' accaduto a Napoli dove i carabinieri hanno bloccato due uomini: un 54enne già noto alle forze dell'ordine e un incensurato di 18 anni. La vittima, un 63enne, era in auto con un suo conoscente che aveva fermato il veicolo davanti a un parcheggio a pagamento in via Tasso, tra i quartieri Chiaia e Vomero. Questa sosta, ritenuta scomoda, ha scatenato la rabbia di due dipendenti del garage. Il 54enne ha avvicinato l'anziano e iniziato una discussione, poi si è avvicinato il giovane con in mano un coltello. Il 63enne ha ricevuto un pugno ed ha perso l'equilibrio, a quel punto il 54enne l'ha aggredito dall'alto con calci e pugni, mentre il 18enne gli ha sferrato calci al volto. Quando i violenti hanno lasciato lo sfortunato libero dalla loro morsa, l'uomo è riuscito a chiamare il 112 ed è stato soccorso dai carabinieri del Nucleo radiomobile che l'hanno trovato con il viso sanguinante e gli occhi quasi completamente chiusi a causa degli ematomi. I militari hanno chiamato un'ambulanza, raccolto la sua denuncia e trovato riscontro alle sue dichiarazioni nelle immagini delle telecamere del parcheggio. Gli aggressori sono stati così identificati e arrestati per lesioni. La vittima è stata trasportata in ospedale dove, oltre alle contusioni ed alle ecchimosi, i medici hanno riscontrato la frattura dell'osso nasale, ematomi nella zona orbitale, traumi ed escoriazioni guaribili in 30 giorni. Gli arrestati sono stati giudicati con rito direttissimo: il 54enne è stato sottoposto all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria mentre il 18enne è indagato a piede libero.