Napoli, Alessandra Caldoro: "Mi candido con FdI per fermare De Luca"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Mi candido per contrastare De Luca. La Campania è stata completamente abbandonata nelle mani del presidente della regione, per questo bisogna evitare che De Luca si prenda anche la città metropolitana di Napoli". Lo dice all'Adnkronos Alessandra Caldoro, sorella di Stefano Caldoro, ex governatore campano di Forza Italia. Dopo aver aderito a Fratelli d'Italia, Alessandra Caldoro ha deciso di candidarsi alle comunali di Napoli con il partito di Giorgia Meloni.

"Non ho lasciato Forza Italia, di cui non ho mai avuto la tessera. Prima di iscrivermi a Fratelli d'Italia -spiega- l'ultima tessera di partito che ho avuto è stata quella del Psi. La destra di Fdi si sta aprendo a uno spettro politico più ampio, ma soprattutto è il partito della destra sociale, vicina quindi alle idee del Psi". "Giorgia Meloni? Non ho mai avuto modo di parlarci -rivela Alessandra Caldoro- mi ha convinto con la sua azione politica. Quella di tesserarmi con Fdi è stata una mia scelta spontanea. E' un progetto in cui credo molto, ovviamente, altrimenti non mi sarei tesserata".

E Stefano Caldoro cosa ne pensa? "Abbiamo sempre avuto punti di grande incontro e anche di scontro. Semplicemente -risponde- non condivido la scelta di Forza Italia di andare al governo con il Partito Democratico. C'è stato un allontanamento politico, d'altronde nostro padre ci ha cresciuti nell'autonomia. Nessun dispiacere, l'ho seguito nell'ultima campagna elettorale ma ora non ci siamo trovati sulla linea politica. Per me è stato il miglior presidente della regione Campania, ma la sua azione di opposizione ultimamente non è stata molto efficace. Anzi lo invito a fare di più contro l'attuale governatore. De Luca è una piovra".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli