Napoli, arrestati 3 minorenni per omicidio guardia giurata. "Volevamo rubargli la pistola"

Caserta, spari contro due migranti al grido "Salvini, Salvini!"

"Volevamo solo rubare la pistola, non uccidere". Con queste parole, davanti agli inquirenti, si sono giustificati i tre minorenni arrestati accusati di tentata rapina e omicidio della guardia giurata Francesco Della Corte, aggredita il 3 marzo scorso a Napoli e deceduta dopo 15 giorni di agonia. Ad eseguire il fermo la polizia di Stato di Napoli, coordinata dalla Procura della Repubblica dei Minori. I giovani, due 16enni e un 17enne, sono tutti incensurati e non frequentano nessun istituto scolastico.

Gli inquirenti parlano di un agguato con modalità 'cattive e inesperte': casuale la vittima, il cui destino è stato segnato solo dal mestiere che ogni notte svolgeva. I tre lo hanno aggredito con ferocia, colpendolo alla testa con almeno cinque violente bastonate e lasciandolo a terra, in coma, senza portare via l'arma.

I poliziotti del commissariato di Scampia, nella notte del 3 marzo, erano intervenuti in via Ferrovia Piedimonte D'Alife, nei pressi della stazione metropolitana di Piscinola: avevano notato una vettura di un istituto di vigilanza privata e un uomo, poi identificato come Francesco Della Corte, inginocchiato vicino la portiera e con il viso insanguinato con una ferita al cranio. Era stato picchiato mentre stava chiudendo il cancello della stazione, dopo aver ultimato il suo giro di perlustrazione. A poca distanza, erano stati ritrovati un piede di tavolo in legno e la borsa della guardia giurata, nascosti in un cassonetto.

 

Il vigilante era stato trasportato all'ospedale Cardarelli e operato al cervello ma non ce l'ha fatta ed è morto dopo alcuni giorni, venerdì 16 marzo. Le successive attività di indagine, svolte dal personale del commissariato di Scampia, hanno consentito di individuare i responsabili dell'aggressione. Attraverso l'analisi dei video acquisiti e registrati dalle telecamere di sorveglianza e grazie alle captazioni elettroniche ed interrogatori di alcuni sospettati, è stato accertato che i tre minorenni avevano atteso l'arrivo della guardia giurata nella stazione metropolitana di Piscinola per impossessarsi della sua arma. Per questo hanno aggredito, a colpi di bastone, il vigilante alle spalle, lasciandolo a terra in condizioni disperate. Non sono riusciti però a rubargli la pistola, che l'uomo teneva ben nascosta in una tasca della giacca. I tre indagati sono stati sottoposti a provvedimento di fermo e portati all'Istituto di rieducazione di Nisida, dopo aver confessato i fatti.