Napoli, arrestato: taglia barba e capelli per non farsi riconoscere

napoli rapina

Aveva tagliato barba e capelli per non farsi riconoscere ma è stato arrestato Pasquale Borragine, 30enne originario di Ercolano che insieme alla sua fidanzata, Cristina Manzo di 25 anni, aveva aggredito una donna derubandola lo scorso 15 luglio 2019 vicino Napoli, precisamente in via delle Magnolie, a Massa di Somma intorno alle 22:30. Le grida della donna aggredita erano state udite da un carabiniere non in servizio: la fuga della coppia a bordo di una Toyota Yaris (rubata). La ragazza era stata catturata, finendo agli arresti domiciliari.

Napoli, taglia barba e capelli: la fuga

Il ragazzo era riuscito a darsela a gambe scendendo dalla macchina, scavalcando il muro di cinta, attraversando i binari e i campi, seguito da uno dei militari nel tentativo di fermarlo. In macchina i due criminali erano arrivati a Cerola, intercettati da una delle pattuglie della città. I militari sono riusciti a rintracciare il fuggitivo grazie al suo profilo Facebook: lo hanno identificato proprio seguendo i suoi ultimi aggiornamenti.

Lo hanno catturato mentre i militari stavano controllando la ragazza agli arresti domiciliari. Pasquale Borragine era nei pressi dell’abitazione della ragazza -sperava di essere irriconoscibile dopo aver tagliato barba e capelli nella speranza di passare appunto inosservato. Il criminale ha cercato di scappare un’altra volta ma è stato bloccato da un carabiniere sul tetto e messo dietro le sbarre. Aveva derubato una donna insieme alla sua fidanzata 25enne a Massa di Somma ed era riuscito a dileguarsi, tagliando barba e capelli per non farsi riconoscere dalle autorità -ma non è affatto bastato.