Napoli, baby gang rapina tabaccheria: presi mente spartivano bottino

Cro/Mpd

Napoli, 20 lug. (askanews) - I Carabinieri della Compagnia di Napoli Bagnoli, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un gruppo di giovani (cinque minorenni e due maggiorenni) tra i 15 e i 18 anni, responsabili di una rapina a mano armata perpetrata all'interno di una tabaccheria nel quartiere di Pianura. I Carabinieri del Nucleo Operativo, della Stazione di Pianura e della Compagnia di Intervento Operativo li hanno sorpresi in un cortile del quartiere mentre si spartivano la somma di denaro appena sottratta.

A compiere materialmente la rapina sono stati cinque minori con un complice in fase di identificazione: due si sono occupati delle fasi di sopralluogo, individuando la posizione delle telecamere simulando l'acquisto di una confezione di "cartine"; dopo dieci minuti sono entrati gli altri quattro, tutti coi volti coperti da bandane e cappucci. Il primo ha fatto irruzione spalancando la porta con la mano destra e lasciando un'impronta palmare rilevata poi dalla Sezione Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Napoli, essenziale per cristallizzare la sua identità. Dopo di lui è entrato il secondo, armato di una pistola revolver - risultata una riproduzione priva di tappo rosso - che ha puntato contro la titolare e una commessa: ha superato con un salto il bancone e, continuando a minacciare le donne, ha iniziato a riempire le tasche con monete e banconote prese dalla cassa; le ha poi costrette ad aprire la porta che permette di accedere al retrobancone, facendo entrare il terzo complice, armato di sfollagente.

(Segue)