Napoli, bancarotta fraudolenta: ai domiciliari tre... -2-

Psc

Napoli, 10 set. (askanews) - Attraverso le relazioni dei curatori fallimentari, le sommarie informazioni rese da alcuni creditori e le attività di approfondimento dei finanzieri, è stata accertata l'esistenza di un'organizzata struttura criminale, i cui membri, alternandosi nelle compagini sociali, hanno realizzato attraverso l'acquisto di società inattive da tempo o comunque con un diverso oggetto sociale, "una costante attività di svuotamento delle società in attivo e lo smembramento, formale e sostanziale, delle fallite". Condotte distrattive per un valore di circa 2.450.000 euro. Le indagini hanno consentito, inoltre, di accertare che i diversi soggetti giuridici sono stati gestiti in totale assenza di trasparenza, senza predisporre e depositare, in molti casi, i bilanci societari e con una tenuta e conservazione della contabilità del tutto inadeguata e confusa, tale da rendere particolarmente difficile una completa ricostruzione del patrimonio e del volume d'affari delle società.