Napoli, Bassolino: sarò a servizio città, ho coscienza a posto

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Napoli, 4 ott. (askanews) - "Mi metterò al servizio della città, ho la coscienza a posto, ho fatto il mio dovere verso Napoli e continuerò a farlo in consiglio comunale". Così Antonio Bassolino, candidato sindaco di Napoli, incontrando i giornalisti. "Non ho mai fatto il consigliere comunale e lo farò con grande impegno, farò opposizione con il rigore e la serietà con cui sono solito fare le cose - ha assicurato l'ex primo cittadino partenopeo - faremo sentire la nostra voce in difesa di Napoli, darò sempre il mio appoggio e la mia condivisione a tutto quello che sarà utile per Napoli così come la mia opposizione sarà rigorosa quando riterrò che non si fanno le cose giuste".

E in merito al risultato delle urne, Bassolino ha aggiunto: "Non sono deluso, la piazza era molto bella ma ho esperienza di tante campagne elettorali e so che le piazze non sempre corrispondono ai voti reali". L'ex presidente della Regione Campania ha poi augurato "buon lavoro" a Gaetano Manfredi e ha proseguito: "Ora il sindaco deve fare il sindaco, la maggioranza deve dimostrare di essere una vera maggioranza e bisogna augurarsi, viste le tante liste, che non succeda come è accaduto in questi ultimi 5 anni in cui la maggioranza si è squagliata, e l'opposizione deve essere vera opposizione perché Napoli è in una situazione tale che servono un vero sindaco, una vera maggioranza e una vera opposizione". "Il sindaco ha il dovere di collaborare con tutte le istituzioni e quindi con la Regione e il presidente De Luca così come con il Governo e il presidente Draghi. Allo stesso tempo, il sindaco è il sindaco e quindi deve fare in modo che la città venga rispettata dalle altre istituzioni", ha concluso Bassolino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli