Napoli, bimbo ustionato a Portici: gli aggiornamenti del sindaco

·2 minuto per la lettura
Nuova famiglia
Nuova famiglia

Il neonato di Portici ricoverato presso l’ospedale Santobono di Napoli con gravi ustioni sul corpo a soli quattro giorni dalla sua nascita verrà presto affidato a una nuova famiglia: la notizia è stata annunciata dal sindaco di Portici, Enzo Cuomo.

Neonato ustionato a Portici, la decisione del Tribunale dei Minori di Napoli

Nel corso del mese di marzo, il piccolo Vincenzo – venuto al mondo da appena quattro giorni – è stato trasportato d’urgenza al Santobono di Napoli manifestando gravi ustioni su tutto il corpo. La vicenda ha portato all’arresto dei suoi genitori biologici, Concetto Bocchetti (46 anni) e Alessandra Terraciano (36 anni), accusati di maltrattamenti con lesioni e abbandono di minore. La coppia, inoltre, già nota alle forze dell’ordine, è stata privata della potestà genitoriale.

A distanza di circa due mesi da tragico arrivo del piccolo al nosocomio campano, tuttavia, il neonato potrà presto iniziare la sua vita con una nuova famiglia, scelta per lui dal Tribunale dei Minori di Napoli.

Neonato ustionato a Portici, condizioni di salute in miglioramento

L’imminente trasferimento del piccolo Vincenzo all’interno del nuovo contesto familiare è stato comunicato dal sindaco di Portici, Enzo Cuomo, che ha anche deciso di rendere note le attuali condizioni di salute del bambino. A questo proposito, infatti, il primo cittadino ha rivelato che l’operazione di innesto della pelle alla quale il neonato è stato sottoposto è andata a buon fine.

Il bimbo, poi, mostra costanti e rapidi segni di miglioramento e, secondo quanto asserito dai medici, potrebbe essere dimesso dall’ospedale entro i prossimi quarantacinque giorni.

Neonato ustionato a Portici, le parole del sindaco Enzo Cuomo

In merito alla famiglia che accoglierà il piccolo Vincenzo in seguito al suo allontanamento dal nosocomio campano, il sindaco Cuomo ha scritto un post sulla sua pagina Facebook ufficiale, dichiarando: “Il nostro piccolo Vincenzino avrà una mamma e un papà che sapranno amarlo e farlo crescere con serenità e gioia. La seconda buona notizia è che, con un delicatissimo intervento chirurgico, come spiegato dal dottor Zamparelli, al bimbo è stata applicata della cute creata appositamente per lui a partire da un piccolo prelievo di pelle. Una operazione complessa eseguita per la prima volta su un bambino così piccolo e al Santobono, dove operano medici che ritengo capaci di autentici miracoli. Le parole dei dottori sono confortanti: le possibilità che il nuovo impianto cutaneo attecchisca come auspicato sono molto alte e finora i segnali sono positivi. Ancora una volta i medici ci raccontano di un bimbo che cresce proprio come gli altri, seppur ancora costretto in un reparto di degenza, non più in terapia intensiva, a causa delle gravissime lesioni”.